Benvenuti a Favazzinablog

Finalmente, dopo anni che ho in mente di farlo, ho deciso di aprire questo piccolo blog su Favazzina. L'obiettivo è quello di creare una comunità virtuale delle varie persone che negli anni hanno preso parte alla vita della nostra mitica Favazzina in modo che, almeno attraverso internet, possano sentirsi e non perdere i contatti, ma anche quello di scrivere e non dimenticare le varie storie che per tante estati ci hanno fatto morire dalle risate.
Se vi va di partecipare potete contattarmi su skype (mauro.fuca) o scrivere un commento anonimo al blog (scrivete in ogni caso la vostra email) così vi faccio diventare autori del blog e potrete darmi una mano.
Salutamu!
UGRECU

lunedì 6 ottobre 2008

" U MORTU "

'Na vota a Favazzina s'indi ava a luci, specialmenti i 'mbernu
Bastava nu corpu i ventu, du gocci d'acqua, nu cavalluni, nu piritu i Ciccu 'u merdara, e s'indi ava a luci.
E s'indi ava urati sani, quasi sempri a sira, quandu c'era quarchi partita (allora rara) o quarchi firm "guestern", chi 'nci piacivunu tantu o mericanu.
Ad aggravare la situazione i tecnici dell'Enel, che dovevano aggiustare i guasti, erano di Scilla e,
come ormai saprete, i scigghitani s'indi futtiru sempri i Favazzina, fortemente ricambiati.
Le famiglie favazzinote si erano attrezzate alla bisogna, cioè, candele a scatole, stiarichi e fiammiferi di legno, che non si ddumavunu mai, a portata di mano.
Non si usavano le bugie, ma con la candela accesa si faceva gocciolare un pò di cera calda sul tavolo e poi s'imbiddava a candila.

Ma andiamo al morto

T.... u gneddu, caro amico, era un assiduo frequentatore del Circolo, grande giocatore di carte e batterista mancato (in mancanza dello strumento suonava: pignati, cannati, pagghiola, landi e landuni) la sua canzone preferita era "Vengo anch'io....no, tu no" di Jannacci.
Quando la cantava si accompagnava con la sua batteria (?) per fare il trombone usava la bocca,
e 'nda minava pi journati sani.

L'unico suo difetto era chi quandu si facivanu i deci da sira, 'nci calava u sunnu, nu sonnu chiumbignu, inesorabile.
Inveci mi vai mi si curca a casa, com'era naturale e giusto, accostava quattro sedie e si coricava supino, piombando in una specie di catalessi.

'Na sira erumu 'nto circulu e, guarda caso, mancava a luci.
U Gneddu, come al solito, dormiva supra e seggi.
All'improvviso il genio favazzinoto s'impossessò di me.
Accostai altre quattro sedie dal lato che dormiva e 'mbiddai due candele accese su ogni spalliera delle otto sedie.
Pariva un catafalco.
Poi per svegliarlo, arrotolai un foglio di carta a mò di cerbottana, glielo infilai tra le labbra, e gli diedi fuoco. (Mengele ma putiva s......i)
Quando la fiamma si avvicinò alla faccia, u Gneddu, si svegliò di colpo e vedendosi al buio, con tutte quelle candele accese, sputando la cerbottana in fiamme, si mise ad urlare
"sugnu mortu, sugnu mortu"
Stranamenti pi nu mortu, sa fuiu pa casa.
Stu fattu succidiu veramenti, mi pari aeri

10 commenti:

georgie ha detto...

'u gneddu' 'u merdera' questi soprannomi mi fanno morire. longu, ma tu eri tremendo.

u'longu ha detto...

Si, Georgie, ero cinico, ma per il gusto della risata,
I soprannomi indicati non sono i miei.
U Gneddu l'ha ereditato dal padre e "merdara" l'avranno messo i più grandi.
Tirava certe scuregge, che hanno indebolito il portone della chiesa

nino u ficonsgi ha detto...

Sei un grande Longu....:-)

nino u ficonsgi ha detto...

Ma cu ndi scureggia se non murivi ca botta murivi ca puzza?.....

u'longu ha detto...

Ninuzzu,erano inodori -
l'esplosione bruciava tutto

u Grecu ha detto...

Eccezionale Longu, è questa la Favazzina che amo ricordare e spesso mi piace pensare che con il blog queste storie non moriranno mai!

arcade fire ha detto...

Minchia longu, a sapiva ma è bellissima comu a cuntasti.
Camilleri nda poti sucari.

Spusiddha ha detto...

Figghioli ieu u rissi sempri, pi mia u longu è u megghiu. E non pirchì pi mia è megghiu i nu frati.

Spusiddha ha detto...

U fetu chi nci nisciva ru culu a Toninu era micidiali, sfissianti!
U Magu a Favareca aviva nu locali aundi mintiva i cesti chi limuni, dumava u carburru e i limuni virdi com'erunu, divintaunu gialli.Ieu ricu che se mintiva a Toninu da intra si putiva risparmiari i sordi ru carburru.

u'longu ha detto...

Grazie Grecu, permettimi un pò di malinconia.
C'era genti, ai miei tempi, chi sapeva ridere e fare ridere.
Tuo padre era uno di questi.