Benvenuti a Favazzinablog

Finalmente, dopo anni che ho in mente di farlo, ho deciso di aprire questo piccolo blog su Favazzina. L'obiettivo è quello di creare una comunità virtuale delle varie persone che negli anni hanno preso parte alla vita della nostra mitica Favazzina in modo che, almeno attraverso internet, possano sentirsi e non perdere i contatti, ma anche quello di scrivere e non dimenticare le varie storie che per tante estati ci hanno fatto morire dalle risate.
Se vi va di partecipare potete contattarmi su skype (mauro.fuca) o scrivere un commento anonimo al blog (scrivete in ogni caso la vostra email) così vi faccio diventare autori del blog e potrete darmi una mano.
Salutamu!
UGRECU

martedì 7 ottobre 2008

Ceddiata pirotecnica

Malumbra, cu sti ceddiati nuddu si voli scopriri ora viru mi nci rugnu a molla ieu.
Era la serata conclusiva della Santa Croce, il paese era bampatu di ggenti: omini chi iucavunu a briscula e trissetti, fimmini chi passiavunu a mbrazzettu e figghiolazzi chi si ddubbavunu di nuciddi, pastiddi, calia e nzudda. U paisi pariva n'arburu i Natali fora staggiuni, luci culurati paru paru chi si nnorbava. E non andava bene, no perchè io e P**eravamo alla ricerca di un pur piccolo cono d'ombra per esprimere la nostra ammirazione verso le due milanesi. Dico le due milanesi ma, attenzione, niente equivoci...forse le zie o forse, ahimè, le nonne. "L'aimu a purtari nta marina!" P**è perentorio. "Si pacciu, nda marina ci sunnu i..." ma lui mi tronca "Mindi futtu, iamanindi". Dopo un tragitto lungo e periglioso, volto a schivare occhi indiscreti e occhi mbiriusi, approdiamo nel luogo dove poter sfogare la nostra personalità mbozzata. Piacevolmente passa il tempo e si fa l'ora. P**si eleva dalla sabbia all'aire e con un gesto imperioso comanda: FOCU!
Si scatenau u nfernu, a trenta metri di nui partunu missili chi mancu a guerra del golfo (in effetti questa è posteriore) e bumbi e strisci culurati nta ddu cielu chi pariva menzuiornu di focu e frisca e spari e finarmenti a cascia 'nfernali: dieci minuti di terrore ben leggibile nella faccia delle due milanesi. A quel punto P**compiaciuto dice "Questo è in onore delle donne di Milano...ma puru i Pavia, Brescia, faciti vui".
Come finisce questa storia? Finisce come finiscono i fuochi d'artificio, cà botta o scuru.

10 commenti:

u'longu ha detto...

Il dramma fu pu fochista.
Quando finirono i fuochi la folla rumoreggiava e u fochista non sapiva s'era un'ovazione o u vulivinu spasciari i corpa.
Nel dubbio, inveci mi vai a coppi,
sa fuiu.

georgie ha detto...

ma quanti ndi sturiavati?
veramente pirotecnico

nino u ficonsgi ha detto...

Arcade...ora è sempri, è viva Maria...

arcade fire ha detto...

A tia inveci cu to ritmu nci voli nu calendariu di santi. Ma quantu ndi cangi, Faeli

nino u ficonsgi ha detto...

Mi fa muriri....:-)...quandu ndi virimu prima ndi basciamu, e poi ti fazzu viriri a lista e mi rici audi ma firmari....mi fido cecamente di te.....:-)

Malumbra ha detto...

attenzione cu sta botta o scuru, sennò u ficonsgi savi a jazari mi dduma a luci

nino u ficonsgi ha detto...

Quantu voti tu sutta a doccia ti mabasciavi e pighiavi a sapunetta.....cu mie e Tempesta ra retu!!!!.....:-)

georgie ha detto...

ma quanti eravate sotto la doccia?? e cosa succedeva quando Malumbra si abbassava a prendere la saponetta???

nino u ficonsgi ha detto...

Lui si inchinava dolcemente a prendere il sapone, e noi.....ue ue ue tipo i Bulgari di Aldo Giovanni e Giacomo.....:-)

georgie ha detto...

mi fa muriri ficonsgi